Leo's Blog

La felicità non è una meta ma un modo di viaggiare..

IMG_2478_1-1-11 IMG_2478_1-1-11

“Il Manifesto” è rock e non deve morire…

Posted by Leorol On luglio - 18 - 200613 COMMENTI

   060718 Vauro-Manifesto060718 ElleKappa Manifesto060718 staino-Manifesto

Credo che bisognerebbe togliersi tanto di cappello davanti a chi è riuscito fino ad ora a sopravvivere senza il bisogno di un padrone e con stipendi modestissimi uguali per tutti, dal primo fino all’ultimo dei suoi impiegati.
Un vero miracolo per i ns. tempi.. che mi auguro possa continuare ancora e per lunghi anni come magico esempio di un altro modo di “essere” in questo mondo fatto solo di profitti e di carriere a tutti i costi.
Ogni volta che muore un giornale è un duro colpo per la democrazia di un paese: si zittisce una voce, un pensiero, un ideale.. di qualunque orientamento politico possa essere e questo non dovrebbe mai succedere! Voltaire diceva: “IO NON CONDIVIDO NIENTE DI QUELLO CHE DICI, MA DAREI LA VITA PERCHE’ TU LO DICA!”
060718 VAURODIPETRA-small

Carlo Azeglio Ciampi: «Lunga vita a una voce libera»

“..sono al vostro fianco a favore di una voce libera, indipendente nel mondo della stampa italiana come il manifesto. In questi 35 anni di vita, il vostro giornale ha dato un contributo importante e originale al dibattito politico e culturale italiano ed europeo. Esso rappresenta un momento significativo per lo sviluppo del pluralismo nel mondo dei mezzi di informazione, principio fondamentale che ho voluto mettere al centro del mio impegno quale Presidente della Repubblica dedicando a tale tema, non a caso, l’unico messaggio alle Camere del mio settennato..”   

Adriano Celentano: «Il manifesto è rock»

“..la straordinaria avventura dell’unico giornale senza padrone ossia, senza azionisti di maggioranza, con un’indipendenza assoluta e uno spirito di gruppo che non ha precedenti nella storia dell’editoria, non solo italiana, ma credo mondiale.. ..tutti, sia giornalisti che tecnici, guadagnano tutti uguali e, soprattutto poco… un nobile sacrificio che tuttavia pare non bastare a sorreggere la vita di questo singolare quotidiano che proprio in queste ore, rischia di chiudere per mancanza di mezzi. A oggi la sua vendita in edicola è di sole 30mila copie, con un contributo pubblicitario di appena il 10% quando si sa che oggi nessun giornale potrebbe reggere senza la partecipazione di almeno il 40% della pubblicità. Strano l’atteggiamento dei pubblicitari… Cos’è che vi da fastidio a tal punto da non considerare il manifesto come veicolo promozionale? Un errore tattico che da parte vostra proprio non mi aspettavo. La genialità dei vostri microspettacoli che mette addirittura in serio imbarazzo chi di spettacolo invece ha perso ogni traccia sia alla Rai che a Mediaset, non può accostarsi, se non altro per un senso di sintonia e di eleganza, alla genialità dei titoli ormai famosi del manifesto. Ne ricordo qualcuno in particolare, quando per lanciare l’immagine del giornale, il manifesto fece una campagna con la foto di un bambino che dormiva coi pugni chiusi, come fanno i bambini quando dormono. Sotto la foto una scritta che diceva: La rivoluzione non russa… E poi, ancora, quando il ministro Tremonti dopo le sue dimissioni, apparve sul manifesto con il titolo «Ciao tesoro»! Ma la cosa più stupefacente che credo rimarrà nella storia dei titoli, e anche i cattolici non possono non apprezzare la grande ironia, è quando il Papa è stato eletto: «Il pastore tedesco». Geniale.. ..Cosa ti importa, se sotto la testata del manifesto c’è ancora la parola comunista? Il tuo compito no è quello di far sì che il tuo messaggio arrivi a toccare tutte le fasce della società e, se possibile anche quelle del mondo animale?..”
 
Giorgio Napolitano: «messaggio a Valentino Parlato»
“..Una voce stimolante, di cui, sinceramente, non riesco a concepire la fine. La vostra è stata ed è una presenza peculiare nel panorama dell’informazione italiana, e continua a rappresentare un segno di quanto sia essenziale garantire la libertà e il pluralismo come condizione imprescindibile della democrazia..”
.....
Share |

13 Responses to ““Il Manifesto” è rock e non deve morire…”

  1. sonia a. ha detto:

    DEVI CREDERCI!! mica vendo aria…. :))
     
    Per ciò che concerne gli argomenti, meglio pochi e buoni…
    che chiacchiere inutili che si leggono in molti spaces…
    I tuoi argomenti sono sempre interessantissimi…
    d’attualità…
    e si leggono con piacere,x’ mai scontati…
    e sempre con una piacevolissima grafica …
     
    Ti auguro una giornata serena…ciao,sonia.
  2. sonia a. ha detto:

    Molto toccante come intervento … l’ho letto tutto d’un fiato …

    la tua grafica è limpida semplice perfetta!!!

    BRAVO!!! il tuo blog è sempre più bello …

    Purtroppo per quel che concerne le vacanze… dovrò aspettare fino al 12 …

    poi ho prenotato x Trapani … ci starò 10 giorni.

    Quindi fino ad allora spero ancora di poter aggiornare il mio blog…e leggere il tuo 😉

    Quindi a presto :)))

    Ciao,sonia.

     

  3. virtuale reale ha detto:

    BUONGIORNO LEO…..
    VEDO CHE SEI RITORNATO SULLA LINEA" POLITICA"…..
    BENE!!!!………….
    IL MANIFESTO NON DEVE MORIRE……
    TI ASSICURO CHE ALMENO UNO DELLA MIA FAMIGLIA LI SOVVENZIONA QUOTIDIANAMENTE!!!
    INSIEME A LIBERAZIONE IL MANIFESTO E’ IL QUOTIDIANO CHE LEGGE
    IL MIO PAPA’……
    ALTRIMENTI DA DOVE ARRIVEREBBE LA MIA DEDIZIONE ALLA SINISTRA??:))
    TI ABBRACCIO FORTE…
    APEREGINA!
  4. Rocco A. ha detto:

    Ma io non mi sento……un manifesto!
    E non voglio proprio morire!!!
    LOL
    :-))
  5. myosotisfl​ower2 ha detto:

    Hello Léo je te remercie pour ton passage sur mon blog. Io parla non molto bene italiano ma io capicce un poco. Grazie mille a te  benvenuto quando te volio. Scusa me per les " fautes"  io non sacce come se dicce in italiano .A piu tardo  bye bye.

  6. caterina ha detto:

    Ciao Leo…kome va?Io sto ankora la mare…fra un po mi mettero a vendere sulla spiaggia tanto sono abbronzata…un bacio…buona domenika!!!!
  7. Enrico Paduano ha detto:

    BELLO IL TUO BLOG SE TI VA PASSA DAL MIO.CIAO
  8. Delfina ha detto:

    si si nn voglio "cadaveri" sulla coscenza ahahahahah devi tornare a Napoli c’è molto da vedere e cmq sono convinta che i posti più belli della costiera tu nn li abbia visti :-)a presto

  9. Delfina ha detto:

    Grazie di aver ricambiato la visita e dei complimenti.Ora al volo mi vengono in mente solo posti dalle mie parti , ke a parer mio, sono incantevoli , vedi Costiera Amalfitana o Costiera Sorrentina ma di sicuro ce ne sono altri mille di altrettanto affascinanti, anke se capisco la tua voglia di conoscere popoli e tradizioni diverse dalle ns.Che dirti : Buon viaggio allora 🙂 Torna a trovarmi ne sarei lusingata.Ciao e buona giornata
  10. Miggy . ha detto:

    ciao ciao mio carissimo amicone Leo…..

    spero tutto bene da te

    ti auguro una bella giornata

    mille baci a presto!

    Miggy

  11. Kate ha detto:

    Anch’io la penso così.Il manifesto nel panorama italiano rappresenta un ‘anomalia editoriale, con il suo no alla pubblicità generalista e la sua indipendenza da partiti e "proprietari"! La mia storia con questo giornale è iniziata da poco, ammetto che ho sempre letto solo La Repubblica, fino a quando c’è stata l’occupazione del rettorato a Siena (contro la riforma Moratti) e in molte altre città italiane, allora ho cominciato ad acquistarli entrambi e a leggerli la mattina prima di andare in facoltà!Grazie al Manifesto ho cambiato la mia visione del mondo, grazie alla sua costante attenzione sugli avvenimenti che riguardano i più "deboli" ,l’amore per la libertà, libertà dagli indici di profitto e da certe inclinazioni del pubblico, la COERENZA,IDEOLOGIA,AUTONOMIA DAL POTERE,FUNZIONE SOCIALE DEL GIORNALISMO.
  12. conchita de Palma Valleca ha detto:

    Il manifesto è decisamente rock…..perchè non è mai banale quello che dice e non è mai ambiguo perchè è dichiaratamente di parte, poi il direttore ha lo stesso stipendio di un normale redattore o tipografo……e non è un vezzo ma una scelta precisa e ideologica non comune nel mondo delle superstar della comunicazione, è un giornale "tosto" anche perchè ogni tanto escono fuori degli articoli che puoi leggere 10 volte senza capirci niente, ma anche altri che trovi "illuminanti" insomma il manifesto fa partre della cultura italiana e va difeso.

    grazie della visita Leo.

  13. gioiso ha detto:

    Grazie per il tuo commento Leo.
    Un sorriso a te,

Leave a Reply

VIDEO

TAG CLOUD

Sponsors

2020 Leo's Blog

Tutti i diritti riservati. Feed RSS Commenti (RSS)