Leo's Blog

La felicità non è una meta ma un modo di viaggiare..

IMG_2478_1-1-11 IMG_2478_1-1-11

090204 StupriDopo i recenti stupri compiuti è ovvio che i responsabili debbano essere severamente puniti ma è altrettanto logico domandarsi se dar fuoco, all’indomani di quei fatti, un extracomunitario sopra una panchina sia solo opera di un tragico “gioco” compiuto da ragazzi senza cervello.

Personalmente credo che questo ennesimo gesto inconsulto non sia per niente slegato a quelle violenze perpetrate nei confronti di quelle povere ragazze.
Penso che sia frutto anche di un certo tipo di “comunicazione” che, troppo spesso, ci descrive il cosiddetto “diverso” in maniera tale da generare in molti di noi un sentimento di odio e di ripugnante disprezzo nei loro confronti.
Troppo facile dire “basta con questa gente!” e far di tutta un’erba un fascio.
La ricetta Maroni sui giornali di ieri sembra seguire appunto questa logica.. “Basta bontà, saremo cattivi contro i clandestini”
Detto così sembra che il male assoluto sia solo da una parte; come dire che tutti i clandestini sono cattivi.. cioè assassini, ladri, spacciatori, magnacci e stupratori.
Ma la verità non è questa.
Forse sarebbe stato meglio dire.. “saremo cattivi contro chiunque (italiani compresi) violi le nostre leggi fatte per il buon vivere”.
Spargere veleno ed accendere gli animi della gente puntando il dito contro i clandestini in quanto tali non credo sia la maniera più corretta per ristabilire l’ordine delle cose.
Dico che qualche volta bisognerebbe pesare un pochino le parole prima di pronunciarle pubblicamente.. (ammesso che il fine non sia invece quello di ottenere consensi elettorali per  continuare a comandare la baracca con proclami di facile presa sul popolo bue..).
.....
Share |

3 Responses to “Quando il male chiama odio e stupidità messi assieme..”

  1. Sonja A. ha detto:

    Non voglio fare il gufo della situazione, ma nelle ultime righe che hai scritto, ci sta un’amara e cruda certezza: il "popolo bue", quello che ha votato il nano e tutta la sua paillettatissima brigata, su questi proclami, belin…ci campa!!!
    E’ tristissimo a dirsi, ma è un dato di fatto.
    Mi viene in mente la barzelletta di quel sindaco che arringava la folla in piazza:
    "Cittadini: metà paese l’abbiamo fognato e metà…lo fogneremo!".
    Più o meno (e mi duole dirlo) il succo è questo.
    A me la politica del fare di tutta l’erba un fascio non è mai piaciuta.
    I cazzoni ed i delinquenti stanno ovunque e spesso si nascondono proprio dove meno te l’aspetti, non è una questione di pelle o nazionalità.
    La "cattiveria" contro i clandestini contribuirà ad esacerbare solo gli animi, ma ben altre son le soluzioni da considerare a partire da una bonifica radicale del sistema giudiziario che rimette in libertà criminali e stupratori mentre da l’ergastolo ai ladri di polli.
    Mio padre ripeteva spesso che il buon tacere non fu mai scritto.
    A volte basterebbe che qualcuno che sta su quelle stramaledette poltrone imparasse a contare fino a 100 prendendo un bel respiro prima di dire scemenze.
    Un abbraccio e…..grazie x la barza che mi hai inviato, era spassosissima!

  2. mattia moroni ha detto:

    le parole di maroni sono legate ,oltre alla sua origine fascista e razzista (come di tutto il governo berlusconi),anche a uno schema politico ormai straconosciuto ,per chi legge ancora un pò di storia.
    ci sono dei problemi scomodi da risolvere? prendiamocela con i sfigati,con quelli che nn si possono difendere e rendiamoli ancora più indifendibili e sfruttabili.
    stiamo ormai con l’acqua alla gola a casua di una crisi che nn abbiamo voluto e che nn immaginavamo(almeno in parte)fosse stata cosi catastrofica. il governo, oltre a una social card ridicola, per risolvere la crisi mette a disposizione dei privati i nostri soldi e fa una finanziaria scandalosa. ma di questo nn si deve parlare,il vero problema è che arrivano sempre più immigrati clandestini e noi dobbiamo fermarli. però solo alcuni quelli che ci servono da far lavorare nelle nostre industrie in nero li facciamo passare costano anche meno di un precario.
    scusate lo sfogo mi sto dilungando troppo.
    se avete voglia di provare solo ad immaginare il percorso di un clandestino,per cercare di farsi un’idea di quale vita fa prima e dopo essere arrivato in italia basta vedere qualche bel documentario
    vi lascio due nomi magrai se avete voglia ve li cercate nel web:
    come un uomo sulla terra( http://comeunuomosullaterra.blogspot.com/)
    the malta experience di alessandra sciurba.
    hasta luego
    mattia

  3. Patrizia M . ha detto:

    Senza smentire che da quando ci sono tutti questi clandestini la violenza è aumentata,
    io sono del parere che ora si mettano più in risalto gli atti di violenza compiuti da loro
    e più in sordina quelli compiuti dagli italiani. Quindi come tu dici, la severità deve
    essere nei confronti di chiunque commette reati, senza alcuna distinzione. Il ragazzo
    che ha compiuto lo stupro nella notte di Capodanno è italiano, i ragazzi che hanno
    dato fuoco all’immigrato sono italiani, e non mi vengano a dire come ha fatto la madre
    di quello minorenne, spero che la punizione gli serva da lezione, noi però non siamo
    razzisti. Qua non si tratta più solo di razzismo o quant’altro, ma di violenza gratuita
    che non deve avere nessuna attenuante, per niente e per nessuno. Troppo buonismo
    non risolverà certamente queste situazioni che vanno sempre più degenerando.
    Un saluto, Pat

Leave a Reply

VIDEO

TAG CLOUD

Sponsors

2020 Leo's Blog

Tutti i diritti riservati. Feed RSS Commenti (RSS)