Leo's Blog

La felicità non è una meta ma un modo di viaggiare..

IMG_2478_1-1-11 IMG_2478_1-1-11

Bene bene, che si cominci a dirlo anche sui muri..

Posted by Leorol On settembre - 5 - 20091 COMMENTO
Non si può dire che il “nano-puttaniere” abbia fatto uccidere qualcuno (almeno si spera) ma per il resto il paragone gli va proprio a pennello!
Se fosse per me appiccicherei questi strepitosi poster dappertutto, perfino d’avanti alle sue numerose residenze se fosse possibile.
Non deve mai dimenticare che se milioni di persone lo vedono così un motivo ci dovrà pur essere; difficile pensare che sono tutti degli ingrati.
Grande idea questa dei poster, complimenti a chi l’ha avuta e realizzata.
Questo il commento di ANGELO AQUARO su “la Repubblica”:
“L’Intoccabile” ti guarda dai muri di New York: nelle strade di Soho, il quartiere alla moda, nei vicoli di Little Italy, nei vialoni del Lower East Side, l’ex ghetto di ebrei, italiani e banditi che oggi è tutto localini e botteghe chic. “L’Intoccabile” naturalmente è lui, Silvio Berlusconi, Quello-Che-Comanda-Tutto che anche gli americani stanno imparando a conoscere: grazie ai reportage del settimanale radical The Nation, agli speciali della conservatrice Fox tv, alle cronache dell’allarmato Wall Street Journal e, ieri mattina, del compassato New York Times, che ha portato in prima pagina lo scandaloso “licenziamento” di Dino Boffo. Ma da un paio di giorni il premier che alle domande dei giornalisti risponde chiamando la magistratura è finito anche al muro, a New York. Una serie di manifesti – avvistati da un giornalista che da anni vive e lavora negli States, Alberto Baudo, che li ha subito fotografati – ispirata agli “Intoccabili”, il capolavoro di Brian De Palma dedicato, guarda un po’, ad Al Capone, con il faccione del primo ministro e la scritta: “L’intoccabile”. Sotto, un gioco di parole tra “Untouchable” e “Unimpeachable”, cioè che in Italia sfugge all’impeachment che pure in America sfiorò perfino Clinton. E ancora: “Nessuno può toccarlo, nessuno può fermarlo”. Il mistero dei poster potrebbe essere presto risolto: dietro all’iniziativa ci sarebbe un gruppo di studenti e professionisti, da tempo negli Usa, che si definiscono “I nuovi carbonari”. L’operazione sarebbe costata 4 migliaia di dollari (“Autotassazione…”) ma i manifesti sarebbero solo l’inizio e nuovi blitz sono allo studio. Per la cronaca, tra un paio di settimane Berlusconi l’Intoccabile qui dovrà sbarcare, atteso con gli altri leader mondiali per il vertice Onu.
.....
Share |

One Response to “Bene bene, che si cominci a dirlo anche sui muri..”

  1. Vale . ha detto:

    Ammazza Leo! Ci dai dentro!

Leave a Reply

VIDEO

TAG CLOUD

Sponsors

2020 Leo's Blog

Tutti i diritti riservati. Feed RSS Commenti (RSS)