Leo's Blog

La felicità non è una meta ma un modo di viaggiare..

IMG_2478_1-1-11 IMG_2478_1-1-11

Sentenze sommarie!?!?

Posted by Leorol On Dicembre - 15 - 2014AGGIUNGI COMMENTO

Riflessione

Che il sistema giudiziario nel nostro paese non funziona come dovrebbe questo è poco ma sicuro ed è ben noto a tutti.

Il fatto più inquietante che non riesco a capire è come si possa passare in un’aula di tribunale da una condanna pesantissima nei confronti di qualcuno ad una sentenza di totale assoluzione per i fatti contestati (o viceversa) nel corso dell’iter processuale previsto dalla legge.

Come è possibile insomma che un verdetto emesso al primo grado di giudizio possa essere clamorosamente ribaltato in Corte d’Appello e magari di nuovo modificato in Cassazione?

Da perfetto incompetente in materia, per come vanno le cose in Italia, mi verrebbe da pensare che:

1) i tribunali sono pieni di “addetti ai lavori” (investigatori, pubblici ministeri, procuratori, avvocati, etc.) paurosamente incompetenti, o quanto meno superficiali, se non addirittura preda ad improvvise allucinazioni nella certificazione delle prove d’accusa (o d’innocenza) nel corso delle indagini preliminari che il caso specifico richiede 

2) è solo un becero marchingegno per far slittare il più a lungo possibile le udienze nelle aule dei tribunali dando modo agli indagati (quelli s’intende che possono permettersi di stipendiare illustri avvocati per anni interi senza problemi) di arrivare, ricorso dopo ricorso, alla prescrizione del processo sempre che la parte offesa non abbia già alzato bandiera bianca per.. “stanchezza”.

Da non sottovalutare il fatto che in questo secondo caso gli azzeccagarbugli di turno, per quel che ne so, hanno tutto da guadagnarci visto che la loro parcella è fortemente “influenzata” dalla durata dei processi.

Capisco che questo è un modo molto semplicistico, per non dire banale, per abbozzare una spiegazione logica dello stato dei fatti e ritenere così risolto il problema.

Non vi è però alcun dubbio che queste sentenze altalenanti capitano un pò troppo spesso dalle nostre parti, come testimoniano gli esempi più clamorosi che elenco qui sotto e che hanno fatto gridare allo scandalo quasi tutti noi.

Eternit

Sentenza Eternit, la Cassazione annulla la condanna: reati prescritti. La rabbia dei parenti

La sentenza dopo due ore di camera di consiglio. Accolta la richiesta del pg Francesco Iacoviello. I familiari delle vittime: “Vergogna, vergogna”. Il pm Guariniello non si arrende: “Il reato c’è, non è un’assoluzione. Ora possiamo aprire il capitolo degli omicidi”. Renzi: “Cambiare la prescrizione”.

.

SILVIO ASSOLTO

Berlusconi assolto in appello per il caso Ruby

Ribaltata la sentenza di primo grado: niente concussione perché “il fatto non sussiste”, niente prostituzione minorile “perché il fatto non costituisce reato”.

.

LAquila-Per-Non-Dimenticare

L‘Aquila, processo a Commissione Grandi Rischi: assolti scienziati, condannato tecnico Protezione civile

I sette componenti dell’organismo erano stati condannati in primo grado a sei anni di detenzione. Ridotta a due anni la pena per De Bernardinis. Lo sconcerto del Procuratore Generale. I cittadini: “Una vergogna”

.

Stefano Cucchi

Stefano Cucchi, tutti assolti gli imputati. La madre: “Sentenza assurda”

In primo grado furono condannati solo i medici per omicidio colposo. La formula adottata dal giudici è quella prevista dal secondo comma dell’articolo 530 “ovvero quando manca, è insufficiente o è contraddittoria la prova”. La sorella della vittima, Ilaria, in lacrime

.

thyssen

Rogo Thyssen, la Cassazione annulla l’appello. La rabbia dei parenti delle vittime

ThyssenKrupp, manager colpevoli ma appello da rifare. Parenti: “Vergogna” Confermata la colpevolezza dei sei imputati per il rogo del 2007 in cui morirono 7 operai, ma anche la tesi per cui non si trattò di omicidio volontario. La Corte d’appello ora dovrà rideterminare le condanne a manager e dirigenti. La rabbia dei famigliari: “Avete scelto di non decidere in modo che questi vigliacchi non vadano in carcere”. Antonio Boccuzzi: “La sentenza ci delude”

.

alg-knox-sollecito-jpg

Caso Meredith: Sollecito e Knox condannati. Sentenza ribaltata

Sentenza ribaltata: Amanda Knox è stata condannata a 28 anni e 6 mesi di carcere e Raffaele Sollecito a 25 anni per l’omicidio di Meredith Kercher. Divieto di espatrio per lui e nessuna misura cautelare per lei. Così ha deciso la Corte d’Appello di Firenze, dopo undici ore di camera di consiglio. Il legale Giulia Bongiorno parla di “sentenza mediatica” e dice: “Questo non è il verdetto finale”. Il suo assistito ha appreso della sentenza dalla tv ed è apparso “annichilito” a uno dei suoi difensori. I giudici fiorentini hanno disposto il ritiro del passaportoritenendo che il giovane abbia sviluppato supporti logistici in Paesi con i quali l’Italia non ha trattati di estradizione. La misura cautelare non è stata invece disposta per la Knox in quanto la corte non ha ravvisato il pericolo di fuga essendo la giovane “legittimamente” residente negli Stati Uniti. Nessuno dei due andrà in carcere, in attesa di un nuovo ricorso in Cassazione.

In uno Stato di Diritto non dovrebbe essere difficile porre rimedio a questi incomprensibili e strani capovolgimenti di giudizio nelle varie aule dei tribunali, anche perché nessun cittadino (sia esso indagato che parte offesa) merita di vedere sconvolta la propria vita a causa di questi altalenanti verdetti.

Evidentemente il nostro “bel paese” è ancora carente sotto questo aspetto visto che bisogna accendere un cero alla Madonna per avere in tempi accettabili la certezza di una pena e la giusta condanna da scontare per chi ha commesso reato (mi riferisco ovviamente ai “potenti” e agli “intoccabili” che riescono quasi sempre a farla franca, contrariamente ai “poveri cristi” che si beccano le loro condanne in un batter di ciglia).

Forse un giorno arriveremo anche noi ad avere una Giustizia degna di questo nome, sempre che i nostri “politici” riescano a mettersi d’accordo sulle giuste modifiche da apportare all’attuale normativa senza star troppo a pensare se le nuove regole possono arrecare danno a qualche “compare di partito“, per non dire a loro stessi..

Che sia proprio questo il problema principale da superare? ..Non è da escludere,

.....
Share |

Leave a Reply

VIDEO

TAG CLOUD

Sponsors

2020 Leo's Blog

Tutti i diritti riservati. Feed RSS Commenti (RSS)