Leo's Blog

La felicità non è una meta ma un modo di viaggiare..

IMG_2478_1-1-11 IMG_2478_1-1-11

 100420 ypt210_angle

Ebbene si, dopo la chitarra elettrica che mi sono regalato appena andato in pensione (link) la mia personale “collezione” di strumenti musicali si è ulteriormente incrementata con l’aquisto di questa splendida tastiera multifunzioni Yamaha YPT-210.
L’offerta del Lidle” era davvero troppo allettante e l‘idea di poter avere a portata di mano un simile strumento in casa mia era ancora più irresistibile.
Anche se non siamo a livelli professionali gli effetti e gli accompagnamenti che si possono fare con questa tastiera sono numerosissimi ma il classico e splendido suono del pianoforte a coda a mio parere rimane insuperabile.
Ogni volta che ci poso le dita sopra il mio buon orecchio musicale riesce sempre a regalarmi piccole ma intense soddisfazioni e poco conta se in vita mia non ho mai letto un foglio di spartito.
Volete sapere cosa ho imparato a fare?
Beh, tanto per darvi un’idea riesco per esempio a suonare tranquillamente un pezzo come questo che vi propongo qui sotto.
Niente di trascendentale, ma per uno come me che trova le note ad orecchio non è poca cosa.. (non sono io quello nel video, ma vi assicuro che non notereste granchè differenza se suonassi al suo posto.. 

P.S.: se volete sentire il brano originale degli Eluvium questo è il link su YouTube…
  

E noi paghiamo…

Posted by Leorol On aprile - 19 - 2010AGGIUNGI COMMENTO
Quale logica, soprattutto di questi tempi, può giustificare una spesa di 10.200 euro per acquistare dei semplici posacenere?
Non so se per caso vi è capitato di leggere l'articolo qui sotto (???) che a mio parere merita comunque di essere divulgato affinchè TUTTI, a prescindere dal diverso colore politico di appartenenza, provino quel giusto senso di disprezzo e di rabbia per un simile sperpero di denaro pubblico effettuato al solo scopo di apparire "belli" agli occhi dei potenti.
Il G8 all'Aquila non aveva bisogno di essere sfarzoso perfino nei dettagli, non era necessario considerato lo stato delle cose, e i grandi della terra presenti in quella città piena di macerie e di sofferenza non avrebbero avuto da ridire assolutamente nulla se avessero dovuto posare la cenere delle loro sigarette su dei normalissimi e più economici contenitori di cicche.
E questo ragionamento vale anche per tutto il resto visto che lo sprecherie non si sono limitate ai soli posaceneri..
 
 

I posacenere di Bertolaso

Fermi, e senza ridere. Bertolaso non ha colpa se i potenti fumano. Le cicche andavano fermate e inghiottite in qualche posto. Custodite e poi eventualmente smistate in un termovalorizzatore. Il G8 dell'Aquila, quello del dolore e della sobrietà, è stato anche segnato da emergenze impreviste e naturalmente urgenti: traghettare in brevissimo tempo, forse proprio da La Maddalena, posacenere in grado di tenere a bada il vizio del potere. E' stato chiesto a una società milanese, la Nolostand, di fornire i preziosi oggetti: i posacenere. E per 10200 euro è stato risposto, con la solita efficienza, anche a questa piccola urgenza. Non sappiamo se fossero di vetro o di legno,  concavi o stilizzati. Si presume che fossero intonati al clima, dunque segni molto minimal, rispettosi di un luogo dove la natura aveva così crudemente infierito.

Non serve nemmeno fare la lista dei potenti che fumano. Berlusconi no di certo, forse Obama, sicuramente esclusa la Merkel. Ciascuno di loro era però accompagnato da vaste delegazioni che s'intuisce fossero assai sfumacchianti. Né serve osservare come in Italia esista una legge antifumo che vieta la sigaretta nei locali pubblici. Anche in questo caso: il G8 può essere assimilato a un luogo aperto ai passanti? Nossignore. Il vertice mondiale, nelle sue diverse sedi legiferanti, è un luogo chiuso per eccellenza, un club esclusivo.

E la deroga è il principio costituente con cui il potere si manifesta. Il precetto vale per voi, noialtri deroghiamo.
Il G8 all'Aquila era un modo di condividere il dolore, restituire alla città ferita l'onore del mondo, aiutarla a rinascere: spendere il minimo per avere il massimo. Era un gesto di solidarietà, un segno di civismo, una intelligente operazione politica. Così è stato detto. Così è apparso. Così dunque si è certificato.

 

I posacenere o gli accappatoi e gli asciugamani (24mila euro), i portablocchi per cartelle (78163 euro), i fiori (64mila euro), i televisori a nolo (347mila euro) rappresentano i costi insopprimibili del potere. La assai più lunga e parecchio terribile lista della spesa, composta settimane fa da l'espresso, riassume l'ingorgo di bugie disperse tra i nostri vuoti di memoria. E i diecimila euro "pro cicche" restano il dettaglio illuminante del valore dei soldi. Il G8 dell'Aquila, quello luttuoso e povero, è costato 185 milioni di euro. Quello abortito de La Maddalena, sfarzoso e inutile, altri 327 milioni. In tutto 512 milioni di euro.

Waste in inglese. Gaspillage, se parlate francese. Vergeudung, tedesco. Si dice splild in Danimarca. Derrroche è invece spagnolo.

In Italia si chiama spreco.
 
(19 aprile 2010)

Resistere! Resistere! Resistere!…

Posted by Leorol On aprile - 5 - 20106 COMMENTI
cigarette 3

Udite, udite! Incredibile ma vero..
ieri, 4 Aprile 2010, è stata la mia prima Pasqua senza fumo!
E’ passato ormai un mese da quando ho acceso la mia ultima sigaretta e quel giorno lo ricordo bene perchè, neanche a volerlo, era il mio 60° compleanno. Da allora non ne ho fumata più nessuna nonostante l’ultimo pacchetto di sigarette sia ancora li, a portata di mano e in bella vista, sul tavolino del salotto.
Fondamentale è stato un normale raffreddore di stagione con relativa e lieve bronchite che ha reso disgustosa quella sigaretta e quindi possibile il miracolo.
Allo stato delle cose devo ammettere che non credevo fosse così facile uscire dalla dipendenza della nicotina anche se, a dire il vero, la “voglia” di una boccata di fumo non è del tutto svanita dalla mia mente.
Non so bene cosa sia successo al mio cervello ma spero che continui a “ragionare” in questo modo.
Di sicuro posso affermare che è una piacevole sensazione non sentirsi più schiavo di un qualcosa che esula dal proprio controllo e dalla propria volontà.
E poi, lasciatemelo dire, oltre alla salute ci guadagna anche le mie tasche.. 10 sigarette al giorno (questa era la mia media) vuol dire 684 euro all’anno che se ne andavano in fumo.
Beh, direi che di questi tempi sia più che saggio considerare anche questo veniale ma importante aspetto…

Auguri a tutti!!!!!!!!!

Posted by Leorol On aprile - 3 - 20102 COMMENTI
100403 Pasqua2
Dimenticando per un momento tutte le ossessioni che ultimamente mi perseguitano tipo..
risultati elettorali, disinformazione tv, governanti mafiosi, massoneria e caste superprotette, intercettazioni telefoniche, corruzione generalizzata, maxitangenti ed escort da 1000 euro a sera, buco dell’ozono, rifiuti, razzismo, preti pedofili, evasori fiscali e condoni vergognosi, disoccupazione, debito pubblico, leggi ad personam, tribunali impotenti (per “nani” rifatti) e così via cantando, auguro di cuore a tutti voi…..

Buone Feste!

Che possiate trascorrerle nella maniera più gioiosa ma soprattutto in santa pace.

Regionali 2010: l’incubo continua..

Posted by Leorol On marzo - 30 - 2010AGGIUNGI COMMENTO
100330 1
Malgrado tutto sono contento di essere marchigiano e di avere ancora dei buoni vicinati pieni di “sano odio”…
Per il resto.. solo due cose ho voglia di dire:
1) che gli “ignavi”  non si sognino neppure lontanamente di lamentarsi nei confronti di chi li governa perchè non ne hanno alcun diritto.
2) che al “terzo stadio” della sodomizzazione (parafrasando l’ultimo Luttazzi a raix1notte: http://www.youtube.com/watch?v=t7p2U5AxJLQ) è effettivamente difficile dire proprio sul più bello… adesso basta. Sarcastico
A questo punto non resta che aspettare la fine naturale delle cose.. perchè TUTTO ha una fine..

VIDEO

TAG CLOUD

Sponsors

2019 Leo's Blog

Tutti i diritti riservati. Feed RSS Commenti (RSS)