Leo's Blog

La felicità non è una meta ma un modo di viaggiare..

IMG_2478_1-1-11 IMG_2478_1-1-11

La nostra falsa ricchezza..

Posted by Leorol On Novembre - 4 - 20111 COMMENTO
Capitalismo, mercati, borse, banche, debito, spread, default.. queste sono le parole più ricorrenti che da un pò di tempo a questa parte e in maniera ossessiva siamo costretti a leggere sui giornali e a sentire in tv.
Parole che rispecchiano il nostro concetto di vita e di benessere attuali e che possono essere riassunte sotto un unico termine: (dio)denaro.
Come se oltre ai soldi (e a tutto ciò che serve per non farseli mancare) non ci fosse nient'altro da tenere in seria considerazione.
Tanti anni fa, qualcuno pronunciò delle bellissime parole che, purtroppo, restarono nei fatti solo parole.., forse perchè quell'uomo venne tre mesi dopo dopo barbaramente assassinato.
Mi piacerebbe molto se oggi ci fosse qualcuno che avesse la forza e il coraggio di ripetere quelle stesse parole e magari riuscisse anche a metterle in pratica per la "felicità" del suo popolo.
Eppure in un piccolo regno sperduto tra le montagne dell'Himalaya (Bhutan) da tempo considerano la "felicità" il corretto indicatore dello stato di salute del popolo,
Forse è stato il buon Budda a dare ai governanti di quel paese la giusta illuminazione.. e magari è per questo che il loro Re è così tanto amato dalla sua gente.
Cliccate qui se volete saperne di più sul "prodotto interno lordo della felicità", nel frattempo ascoltate le bella parole di quest'uomo..
Testo del discorso:
Il nostro benessere
Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell'ammassare senza fine beni terreni.
Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell'indice Dow-Jpnes, nè i successi del paese sulla base del Prodotto Interno Lordo.  
Il PIL comprende anche l'inquinamento dell'aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana.
Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari.
Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l'intelligenza del nostro dibattere o l'onestà dei nostri pubblici dipendenti. Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell'equità nei rapporti fra di noi.
Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese. Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta.
Può dirci tutto sull'America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere americani.
(Robert Kennedy)
.....
Share |

One Response to “La nostra falsa ricchezza..”

  1. Lupoalberto ha detto:

    Quando ad affermare che più dei soldi conta le felicità , sono persone STRACARICHE di ricchezza materiale …..beh , sono colto da irrefrenabili conati di vomito …….e vorrei ricordare invece la perla di saggezza del nostro caro concittadino (anconetano) Barigelo :” A discore nun è fadiga” …….tradotto in italiano : parlare non è molto impegnativo ……ciao …..

Leave a Reply

VIDEO

TAG CLOUD

Sponsors

2021 Leo's Blog

Tutti i diritti riservati. Feed RSS Commenti (RSS)